[WPPA+ dbg msg: Photo 0 does not exist in call to wppa_get_picture_html(). Type = From : wppa-picture.php line: 44 in function wppa_get_picture_html - wppa_initialize_javascript - apply_filters - do_action]

Ultreya et suseya, adjuva nos Deus

Mese: Marzo 2020 (Pagina 1 di 6)

Nuovo decreto del Governo: novità

Il Governo ha appena firmato un nuovo decreto con il quale, in sintesi:

  • vengono sospese tutte le attività produttive industriali e commerciali, ad eccezione di quelle dell’All. 1 (per leggere l’allegato clicca qui);

  • quelle sospese però possono proseguire se organizzate “in modalità a distanza o lavoro agile“;

  • non sono sospese le attività professionali;

  • è fatto divieto ai cittadini di spostarsi da un Comune all’altro, salvo comprovate esigenze lavorative, di assoluta urgenza ovvero per motivi di salute (è soppresso “il rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza”);

  • proseguono le attività che erogano servizi di pubblica utilità nonché servizi essenziali;

  • non sono sospese le attività di produzione, trasporto, commercializzazione e consegna di farmaci, tecnologia sanitaria, ecc.

Per il testo completo del Decreto clicca qui.

Nuova stretta in Piemonte: ecco le novità

Dopo un confronto con tutti i sindaci dei Comuni capoluogo, i presidenti delle Province e i rappresentanti di Anci, Anpci, Upi, Uncem e Ali (Legautonomie) la Regione Piemonte ha appena firmato il decreto n. 34 che impone un’ulteriore stretta per tutti i piemontesi.

Chiudiamo tutto quello che è possibile chiudere in base ai poteri di cui dispongono le Regioni” – ha dichiarato il presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio – “Questa è la più grande emergenza affrontata dal Dopoguerra ad oggi. Sappiamo che stiamo chiedendo un grande sforzo a ogni cittadino, ma vi prego di comprendere che è la scelta giusta. La nostra libertà è un bene, ma la nostra vita lo è di più. Vi prego, proteggetela restando a casa“.

Potete scaricare il testo del decreto cliccando qui.

In sintesi le nuove disposizioni prevedono:

  1. stretta sui mercati, che saranno possibili solo dove i sindaci potranno garantire il contingentamento degli accessi e il non assembramento, anche grazie all’utilizzo di transenne e sempre con il presidio costante dei vigili urbani;

  2. l’accesso agli esercizi commerciali sarà limitato ad un solo componente del nucleo familiare, salvo comprovati motivi di assistenza ad altre persone;

  3. chiusi gli uffici pubblici e gli studi professionali, fatta salva l’erogazione dei servizi essenziali ed indifferibili e gli studi medici (oltre alla possibilità di attuare lo smart working);

  4. vietati gli spostamenti verso le seconde case;

  5. vietata la sosta e l’assembramento davanti ai distributori automatici “h24” che distribuiscono bevande e alimenti confezionati;

  6. bloccate le slot machine e disattivati monitor e televisori da parte degli esercenti;

  7. restano aperte le edicole, le farmacie, le parafarmacie e i tabaccai (dove dovrà essere in ogni caso garantita la distanza di sicurezza interpersonale di un metro);

  8. ove possibile, dovrà effettuarsi la rilevazione sistematica della temperatura corporea presso i supermercati, le farmacie e i luoghi di lavoro;

  9. disposto il fermo dell’attività nei cantieri, ad eccezione di quelli di interesse strategico;

  10. vietato l’assembramento di più di due persone nei luoghi pubblici.

Nuove misure restrittive a Pecetto

Alla luce dell’evoluzione della diffusione dell’epidemia, tenuto conto che occorre evitare assembramenti di persone nonché ogni spostamento delle persone fisiche non determinato da esigenze lavorative o da situazioni di necessità o da motivi di salute, l’Amministrazione ha oggi disposto

  1. la chiusura al pubblico del cimitero cittadino (che resterà aperto per le sepolture);

  2. che l’accompagnamento dei cani per esigenze fisiologiche dell’animale deve avvenire entro il raggio di 400 metri dall’abitazione del proprietario, senza assembramenti e mantenendo la distanza di almeno un metro da altre persone;

  3. il divieto di sedersi sulle panchine presenti sul territorio comunale;

  4. il divieto di passeggiare e svolgere attività motoria a una distanza superiore a 400 metri dalla propria abitazione, senza assembramenti e mantenendo la distanza di almeno un metro da altre persone.

Il Comune consiglia di uscire per gli acquisti di generi alimentari e altri beni di prima necessità una volta la settimana, questo solo per ridurre ogni possibile assembramento e, quindi, ogni possibilità di contagio.

Tutto ciò almeno sino a 3 aprile p.v.

Ricordiamo che ieri il Comune ha chiuso tutti i Parchi, tutti i Parchi Giochi, Giardini e Aree verdi comunali, i quali verranno transennati, o comunque, delimitati con appositi materiale ad alta visibilità.

 

« Articoli meno recenti

© 2022 Picchio Pecettese

Tema di Anders NorenSu ↑